Vi proponiamo una carrellata di alcune questioni che i nostri clienti ci hanno sottoposto in questi 40 anni di attività.

 

SIETE DEI RIVENDITORI?

Assolutamente no!
Siamo i diretti venditori di ciò che produciamo.
Compriamo le materie prime (tavole di massello e tubolari in ferro) e le lavoriamo fino ad ottenere il prodotto finito (gradini e strutture) il quale potrete vedere e toccare con le vostre mani prima della posa definitiva in cantiere.

 

E’ POSSIBILE ACQUISTARE I VOSTRI PRODOTTI ON LINE?

Assolutamente no!
Non siamo un negozio né, come già detto, un rivenditore.
Quello che vendiamo lo produciamo direttamente nella nostra falegnameria, non abbiamo un magazzino dove riporre scale standard, non è nella nostra politica aziendale.
Lavoriamo in tutto il Nord Italia, forniamo e posiamo regolarmente scale nella zona di Gorizia e annotiamo ordini e pose in Emilia Romagna, Liguria e Piemonte.

 

ESISTONO DELLE NORMATIVE DELLE QUALI SI DEVE TENER CONTO PER LA PROGETTAZIONE DI UNA SCALA/BARRIERA?


Certamente!
Come ogni elemento in edilizia ha le sue normative, le scale per interni non fanno eccezione.
Più nello specifico le normative a cui facciamo riferimento sono le “Uni 10803 Uni 10804 e Uni 10809 del 1999”.
Queste normative riportano le linee guida per il dimensionamento di scale e barriere, ad esempio:
- la larghezza minima per una scala di un edificio residenziale è di cm. 80,00;
- la balaustra deve essere realizzata con elementi verticali od orizzontali che non distino tra loro più di cm. 10,00.
Per le restanti vi invito ad interpellare il nostro tecnico che saprà elencarvi tutte le indicazioni del caso.

 

QUALI DATI SERVONO PER RICHIEDERE UN PREVENTIVO CORRETTO?

I dati più significativi per definire un preventivo sono:
- Le dimensioni del foro scala, od il diametro in caso di scala a chiocciola;
- Il dislivello che la scala deve superare, o meglio la distanza tra la pavimentazione del piano di partenza alla pavimentazione del piano di arrivo;
- lo spessore del solaio e la sua composizione;
- l’identificazione di murature portanti e la presenza di eventuali ostacoli, quali porte o finestre.

 

E’ SEMPRE NECESSARIO IL SOPRALLUOGO DA PARTE DEL TECNICO?

Assolutamente si.
Nonostante collaboriamo senza alcun problema con i geometri, architetti o ingegneri che seguono i vostri progetti, il nostro tecnico effettuerà sempre un sopralluogo presso la vostra abitazione.
In alcuni casi è necessario che questo avvenga anche prima di formulare un preventivo, naturalmente in modo gratuito.
Questo eviterà di preventivare una tipologia di scala che in un secondo momento risulterebbe inadatta all’ambiente in cui andrebbe inserita.
Assieme potrete individuare e scegliere quale tipologia è più adatta alla vostra soluzione, scegliendo personalmente tutti i materiali che andranno ad arricchire di dettagli la vostra scala.

 

QUALI FATTORI INFLUENZANO IL PREZZO FINALE DI UNA SCALA?

Il costo finale dipende da:
- la grandezza della scala ed il numero di gradini, più è grande più materiale deve essere impiegato;
- dal tipo di legno utilizzato (faggio, rovere, iroko, wenghè…).
- dalle finiture che caratterizzano la barriera e la struttura (ferro, legno, acciaio inox…)
- dalla tipologia di fissaggio e dalla stima del tempo per la posa;

 

QUALI SONO LE TEMPISTICHE DI FORNITURA E POSA DI UNA SCALA E IN QUALE MOMENTO QUESTA ENTRA IN CANTIERE?

Generalmente forniamo e posiamo in 40 giorni dalla firma del contratto che avviene solitamente durante il sopralluogo del tecnico, tutto dipende dalla tipologia di struttura scelta per la vostra scala e dal periodo dell’anno.
La posa avviene in circa una giornata e avviene a cantiere ultimato.
Sconsigliamo di posizionare la scala a metà cantiere perché, nonostante le pedate in legno vengano protette, esiste il rischio di poterle rovinare da operai che usano calzature ben diverse da quelle quotidiane.
Consigliamo di finire le pareti avvertendo il pittore di eventuali zone da ritoccare al termine della posa ella scala.

 

QUALI SONO LE COLORAZIONI POSSIBILI PER LE PARTI IN LEGNO?

A parte un piccolo campionario con le diverse colorazioni naturale del legno (naturale, rosato, ciliegio, rovere….), non abbiamo limitazione sulla scelta del colore anzi, portandoci un campione di battiscopa, infisso, pavimentazione o parquet, riproporremo questa tonalità sulle parti in legno della vostra scala.

 

CHE DIFFERENZE CI SONO TRA UN PARQUET IN MASSELLO, UN PREFINITO ED UN LAMINATO?

Le differenze riguardano soprattutto il materiale di composizione, l’utilizzo e ovviamente il prezzo.
Il parquet laminato, essendo costituito da vari tipi di legno (MDF, legno macinato..) risulta la soluzione più economica per ogni tipo di pavimentazione.
Il prefinito rappresenta un’altra soluzione economica ma che differenzia da quanto sopra per la presenza di uno strato superiore di legno nobile, che lo fa assomigliare visivamente ad un vero parquet.
Il parquet in massello è il TOP delle pavimentazioni in legno, le lastre sono costituite interamente da legno nobile. Va da se che il costo è alto rispetto alle due precedenti.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo